domenica 22 gennaio 2012

Monteverde e dintorni (Parte seconda)

Osteria Pistoia - Piazza Madonna della Salette, 13/14 tel. 06/58203381  http://www.osteriapistoia.com/
Anche loro sono stati tra gli apripista della ristorazione giovanile e di qualità a Monteverde, con la facilitazione di avere una buona location a poca distanza dal mercato di Piazza San Giovanni di Dio, con anche un pò di spazio all'aperto (più che altro in mezzo al parcheggio). Nel tempo sembrano essersi un pò adagiati sugli allori: il locale è sempre pieno e ci si accontenta di navigare a vista in un'alternanza tra piatti molto riusciti ed interessanti e altri piuttosto banali se non addirittura mal congegnati. E' un peccato perchè le qualità di base dello chef ci sono e il menù ha alcune portate veramente valide, ma il tutto non è equilibrato e i prezzi sono decisamente altini. Probabile deriva gastrochic di quartiere. All'interno ambiente molto rumoroso appena qualche tavolo è pieno. Aperto pranzo e cena.

Sukhothai - Via Andrea Busiri Vici, 48/50 tel. 06/55263993   http://www.sukhothai.it/
Buon ristorante thailandese in una traversa di Viale dei Quattro Venti. Cucina fedele, forse troppo poco piccante, servizio attento. Ovviamente sono presenti in menù i piatti tradizionali che ci si aspetta e non ci sono particolari sorprese, ma il tutto è fresco e delicato. Locale molto piccolo. Patron italiano molto socievole e cuoca thailandese. Aperto solo la sera.

La gatta mangiona - Via Ozanam, 30/32 tel. 06/5346702   http://www.lagattamangiona.com/
A memoria questo è stato il primo locale che ha osato sfidare quello che sembrava essere l'ineluttabile destino pizzaiolo di Roma: alla pizza bassa e un pò industriale della tradizione romana, hanno saputo opporre una pizza altina - ma non napoletana doc - preparata con lievito madre centenario e condita in modo originale con ingredienti di alta qualità. Oggi che la città è diventata un vero laboratorio della pizza di valore (tanto che la guida Slow Food 2012 nel capitolo romano ha aperto una sezione dedicata alla pizza, vera anomalia in quanto non si tratta di un piatto tipicamente regionale) con numerosi indirizzi validi (a breve altri post sul tema), La Gatta Mangiona resiste con una pizza molto interessante per qualità della preparazione e delle varietà. Se la trovate provate assolutamente la pizza condita con fiori commestibili: coloratissima e delicata. Ci sono anche fritti curiosi e qualche primo accattivante, ma qui ci si viene soprattutto per la pizza. Sono anche stati tra i primi a sdoganare le birre artigianali e la lista è interessante. Il prezzo è medio-alto, non c'è posto all'aperto ed è indispensabile prenotare. Da mettere in conto una gran confusione e la possibilità di dover scegliere un turno per mangiare, soprattutto nei fine settimana. Aperto solo a cena (ma perchè a Roma una buona pizza a pranzo non si può mai mangiare????)
Thai Inn - Via Ozanam, 94 tel. 06/58203145
Anche questo ristorante è stato un pionere, in questo caso della cucina thailandese e malese a Roma. Per lungo tempo il locale ha permesso di gustare in interni deliziosamente esotico-kitsch (un giardino d'inverno con fontana e Buddha!) un'incredibile varietà di piatti realmente thailandesi. Il menù è ancora oggi molto vasto e il locale rimane veramente carino, ma, ahimè, la cucina non è più quella di una volta. Qualcuno mi ha detto che lo chef adesso è cinese: non so se è vero, ma il punto è che non c'è più traccia della delicatezza ed originalità della cucina thai o malese. Il risultato finale è una serie di piatti che si limitano ad unire cocco e lime a pietanze che di base non si discostano molto da quelle di un qualunque ristorante cinese, neanche di prima qualità. E il prezzo non si è abbassato, anzi. Aperto solo a cena.

Cristalli di zucchero - Via di Valtellina, 114 tel. 06/58230323  
Questo non è un ristorante, ma un tempio della dolcezza. Da quando ha aperto non si è smesso di parlarne: per alcuni è sopravvalutato, per altri è l'unica pasticceria di Roma che può contendere il primato di quelle di Parigi...che dire? Questo bar-pasticceria rimane un indirizzo ineludibile per chi vuole assaggiare un cornetto/croissant non decongelato e dei dolci non banali. Sia i mignon che le torte - anche in monoporzione - sono originalissimi e quasi sempre veramente molto buoni. In inverno offre anche cioccolatini particolari e d'estate un gelato notevole. E c'è anche un dehor che si può chiamare tale. Sia a pranzo che all'aperitivo qualche proposta salata che può far capire come dovrebbe essere una pizzetta o un tramezzino. I prezzi sono decisamente più alti della media, ma ne può valere la pena. Ha anche un'altra sede, più piccola a Via di Santa Dorotea. Chiuso il martedì.

E non è finita qui: a breve le recensioni di altri posti in zona che credo siano interessanti (Da Cesare, La Fucina, Mezè Bistrot): stay tuned!

3 commenti:

Anonimo ha detto...

"In "bocca" al lupo" per questa tua iniziativa.......ti seguirò con attenzione

Roberta

Anonimo ha detto...

Keep up the good job! Peccato per il Thai Inn.
PL

Pimpaccia ha detto...

Gustose recensioni, ne aspetto altre!